Pages Navigation Menu

La prima cosa per educare un bambino è educare se stessi

Grazie della Fiducia

Grazie della Fiducia

Con il sole brillante e potente dell’estate abbiamo dato il via a un nuovo anno qui al Nido Blu, carichi di grinta, energia e voglia di fare. In tanti sono tornati e in tanti sono arrivati, tutti con storie da raccontare e con emozioni da condividere.

Le stanze dell’Atelier si sono nuovamente riempite di risate, di parole, di grida, di qualche pianto, di musica e di frastuono, di vita.

Poi il sole si è un po’ appisolato nascondendosi dietro a qualche nuvolone ed è arrivato l’autunno, coi suoi primi freddi, i suoi profumi, i suoi colori e con un ritmo un pochino più lento… Le emozioni sono mutate, trovando un giusto equilibrio fra l’adrenalina e quel po’ di agitazione che contraddistinguono gli inizi, il “pronti, partenza, via!”, e l’autunnale sonnolenza e le confortanti e ripetitive routine che accompagnano questo nostro lungo e avventuroso viaggio.

Ora che il gruppo è formato, che “non manca più nessuno”, che ogni cosa sta prendendo il suo giusto ritmo e peculiare connotazione, forse il momento è giusto per soffermarsi un attimo e vedere come è andata fin qui. E in tutta onestà, sperando di non peccare di presunzione, si può dire: è andato tutto molto bene! Il gruppo dei bimbi è sereno, partecipe, allegro, ogni giorno che passa porta con sé la gioia dello sperimentare e il piacere di essere stati insieme.

E per questo reputo opportuno e doveroso dire un grande “GRAZIE” per la fiducia che ci avete offerto.

La fiducia che tutti i bimbi, sia quelli che erano già qui sia quelli da poco arrivati, hanno dato a noi dade, agli amici, ma soprattutto alla scelta dei loro genitori.

La fiducia che i genitori hanno deciso di dare a tutte noi dade e ai nostri progetti, quella che hanno dato ai loro bimbi, alle loro risorse e capacità, ma soprattutto alla fiducia che hanno saputo dare a sé stessi.

A ciascuno di voi dunque, grande o piccolo che sia, un grazie di cuore.

 

Dal Nido e la Materna Blu (dada Ilaria)

Leave a Comment