Pages Navigation Menu

La prima cosa per educare un bambino è educare se stessi

Facciamo festa insieme

Facciamo festa insieme
E’ gennaio… siamo da poco rientrati dalle vacanze fatte di lunghe giornate di riposo e di coccole.
I bimbi sono entusiasti, carichi e con una gran voglia di riprendere la vita alla materna, ritrovare amici, giochi, spazi e il nostro giardino!
Ma come ci siamo salutati prima di Natale?
Bhe… con una gita ovviamente!
“Potrebbe essere un bel modo per salutarci prima delle vacanze di Natale, andare  a visitare il Presepe in via Azzurra”?

“Si, ottima idea! Potremmo andare anche con i più grandi del Nido”?

Materna e Nido in gita al Presepe! E’ fatta! Giusto il tempo di parlarne con i genitori, prendere contatti con il posto ed eccoci, il 22 dicembre è arrivato! e allora ci uniamo in questa mattinata che sa di festa, di leggerezza, di rosso, di coccole… di Natale.

Purtroppo l’influenza non ha permesso a tutti di esserci, ma la nostra mattinata è iniziata lo stesso con gran entusiasmo.

I bimbi della Materna che solitamente vivono il piano superiore dell’Atelier dei Piccoli, dopo essersi preparati raggiungono il Nido.  Aspettiamo fuori in giardino, per accoglierli  e per iniziare l’avventura! Che si vada lontano in autobus o vicino a piedi, l’idea di uscire dall’Asilo, di “affrontare” un viaggio e di visitare un nuovo luogo, mette sempre tanta allegria e curiosità. Ci fa ridere, ci fa saltare, ci mette una carica che coinvolge tutti. Grandi  e piccoli!

Ed eccoli che arrivano, gli amici del nido e le dade! Organizzarsi è semplice, un bimbo grandone prende per mano un bimbo del nido , le dade si distribuiscono lungo questo bel treno fatto di due bimbi per vagone e via! Si parte! Con noi c’è anche Marco, che oltre a regalarci i suoi speciali scatti, ci accompagna in questa gita natalizia.

Dobbiamo raggiungere una casa in Via Azzurra, dove abita il dott. Chimienti e sua moglie che allestiscono ogni anno, 66 m2 di cortile, di giardino.

Il tragitto si rivela interessante da subito: il sole ci riscalda, gli amici più piccoli osservano il cielo, la strada , le macchine che passano… il marciapiede diventa una rotaia dove camminare, si allarga e si stringe. Bisogna fermarsi, ci sono semafori rossi… bisogna attraversare addirittura una ferrovia, una vera!  Gli ostacoli non sono pochi ma nessuno perde l’ottimismo!  La gente che ci vede sorride, ci saluta… ed eccoci ci siamo quasi! Vediamo tantissime luci e tantissime casine, un villaggio. Il cancello si apre e ci accoglie Ramona, gentilissima  signora che ci fa entrare dandoci il benvenuto con un gran sorriso e inizia a raccontarci di più su quello che presto i nostri occhi vedranno.

Magia del Natale in via Azzurra,  un giardino privato diventa un mega Presepe animato

Ogni Natale il loro Presepe si arricchisce di nuovi particolari e da 10 anni, da presepio statico, si è trasformato in presepio meccanico. E’ composto da una cinquantina di statuine animate e un migliaio di figure: c’è naturalmente la grotta della Natività, le botteghe, un mercato, borghi, specchi d’acqua. Il tutto accompagnato da dolci musiche. Al battito delle mani addirittura alcune figure si animano, ed è spettacolo. Si è catapultati nella più dolce e vera atmosfera del Natale.

C’è il falegname che pialla, la signora che fa la polenta (mentre l’acqua in pentola bolle), nella pescheria le anguille girano in vasca, la commessa spazza in bottega, un contadino zappa, un altro falcia. In osteria c’è un «ubriacotto» che beve mentre l’oste gli versa il vino e la zdaura prepara la sfoglia. Tutto si muove e prende vita in questo paesaggio. E suona. Al battito di mani ogni animale fa il verso: la mucca muggisce, le pecore belano, i maiali grugniscono, mentre le galline beccano e al canto del gallo un vecchietto si sveglia.

I bambini sono davvero incantati, i loro occhi stupiti osservano tutto, indicano, ridono, sorridono, chiedono …

Il tempo si ferma, quasi per magia.Tutto è magico in questo giardino di via Azzurra che ogni anno richiama un pellegrinaggio di ammiratori e curiosi (il cancello è aperto a tutti gratuitamente fino all’Epifania) e salutarci non è facile. L’atmosfera che si respira è davvero dolce, leggera, semplice ma ricca di emozione.

La signora Ramona ci ringrazia per questa visita donandoci un dolcetto prima di ripartire, ed ecco che ricomposti i vagoni si riparte per il viaggio di ritorno!

E’ stata una mattinata davvero speciale, davvero particolare.

 

UltimaGrazie alla famiglia Chimienti per averci ospitato, grazie a Marco per questi scatti speciali e grazie a voi bimbi, per essere sempre pronti, curiosi e pieni di voglia di magia.

Auguri a tutti!!!

 

Dada Roberta

Leave a Comment