Pages Navigation Menu

La prima cosa per educare un bambino è educare se stessi

Confrontarsi per crescere: il nostro modo di fare formazione

Confrontarsi per crescere: il nostro modo di fare formazione

Sta per ripartire il percorso laboratoriale “Adulti in crescita” per il quarto anno e lo riproponiamo a educatori, genitori, baby sitter e chiunque abbia voglia di passare un po’ di tempo con noi giocando, dibattendo, ballando, sporcandosi…

Come ogni anno ci prende il timore di riuscire a fare la proposta giusta, discutiamo tra noi sulle ore da passare insieme, se abbiamo abbastanza energie da mettere in campo  e sulle osservazioni dove in qualche modo sono coinvolti i bimbi.

Ho pensato quest’anno di scrivere un articolo che racconti un po’ le nostre riflessioni a fronte di questi tre anni di esperienza riguardo alla proposta di una “formazione” con noi. Sappiamo che sono  pochi ma soprattutto non ci sentiamo di insegnare un metodo educativo, quello che invece col cuore e con entusiasmo e riflessione ci sentiamo di fare è confrontarci!

Progetto scambi: veniamo a conoscervi!

Quest’anno più che mai stiamo andando in giro per nidi, materne, scuole nel bosco ed altre esperienze di educazione a conoscere le loro realtà quotidiane o invitandole  a passare una giornata con noi per poi sederci in cerchio e confrontarci.

Non è sempre facile trovare il tempo e la motivazione  per creare una rete di persone che desiderano raccontarsi e ascoltarsi.

La burocrazia poi non ci aiuta e nel frattempo bisogna portare avanti come sempre il proprio lavoro quotidiano, ma ci crediamo molto perchè educare è essere sempre in cammino e se ti fermi soddisfatto e sicuro di quello che hai imparato è il momento in cui non vedi più, non osservi e non ti metti dei dubbi. Allora hai smesso di educare te stesso e sei nell’abitudine, ma basta fare un passo fuori casa o far entrare un ospite che qualcosa si muove di nuovo.

Ci sono state occasioni a senso unico in cui c’era da ascoltare e non sempre ci trovavamo d’accordo, altre in cui lo scambio è stato ricco e ha portato a cambiamenti e proposte in entrambi i servizi, altre ancora ci hanno portato a conoscere persone interessanti con cui intrecciare collaborazioni. Ogni occasione ci ha spinto a lunghe chiacchierate tra noi nei giorni successivi e a riflessioni magari su piccoli spunti o anche sul fatto che proprio la modalità con cui lavoriamo è ancora valida  e ci rappresenta.

Grazie ad uno dei primi scambi con un nido di Udine abbiamo avuto lo slancio per rendere più concreta la liberta di scelta e il rispetto dei ritmi di ogni bambino, mentre loro hanno iniziato ad uscire con più sicurezza, l’incontro con l’educazione libertaria ha prodotto una riflessione sul diritto al rischio, ancora in corso,  mentre visitare  la scuola del bosco è stata un’ occasione per pensare ai nostri ritmi tra fuori e dentro.

Adulti in crescita  al via!

Ecco allora che siamo pronte per continuare il confronto e invitare persone appassionate e con energia da spendere per inconrarci e intrecciare punti di vista, per raccontarvi chi siamo e perchè abbiamo scelto questo modo di lavorare con i bambini.

Non parleremo a lungo ma piuttosto ci conosceremo facendo, uscendo un po’  dalla zona di confort dove tutto è noto per affrontare qualche piccolo rischio nella relazione con l’altro, sconosciuto e diverso. Ci dedicheremo tempo con cura e per dare corpo alle parole vi inviteremo a ossrvarci lavorare. Con l’esperienza abbiamo visto che ogni nuova persona che viene accompagnata con attenzione all’interno del nido o della materna non è un disturbo per i bimbi, bensì una curiosità e spesso una ricchezza, magari anche una sfida!

Vi aspettiamo emozionate e curiose e ringraziamo chi ha partecipato gli scorsi anni dandoci la spinta per continuare!

Pamela

Per avere più dettagli sul percorso visita la pagina dedicata ai “grandi”: percorsi per adulti in viaggio

 

Leave a Comment