Pages Navigation Menu

La prima cosa per educare un bambino è educare se stessi

La nostra storia

La nostra storia

All’interno del Villaggio del Fanciullo di Bologna è nato nel luglio 2011 l’Atelier dei Piccoli, il Nido tutto blu!

Nel 2016 abbiamo aperto la materna in un progetto di continuità nato dalla richiesta delle famiglie e vissuto dall’equipe educativa come un opportunità di portare avanti una sperimentazione basata sullo sviluppo armonico di ogni persona, sulla libertà di scelta e nella convinzione che aprire le porte, i giardini e i cuori permette una migliore condivisione e una crescita nelle relazioni.

Il progetto è nato diversi anni prima da un’idea e poi da una sperimentazione molto legata al mondo dell’acquaticità e infine a quei laboratori musicali, espressivi e in natura che ci hanno guidato fino a diventare un vero e proprio percorso educativo

Ubicato all’interno del centro sportivo è ad esso legato nella sua storia e negli spazi fin dall’inizio condividendo l’importanza dello sviluppo corporeo e ludico tanto quanto quello intellettivo.

E’ una struttura nuova pensata tra architetto, pedagogista e responsabile educativa e l’equipe che pian piano si è andata formando,  con un giardino naturale molto giovane, creato e progettato appositamente. In piena città eppure in un luogo protetto, silenzioso, circondato dal verde all’interno di una struttura sportiva, l’Atelier dei Piccoli possiede le risorse umane e ambientali per accogliere bambini dai 12 mesi ai 6 anni e portare avanti un progetto di sviluppo armonico.

Risorse

Risorse importantissime sono gli spazi all’aperto e la piscina, raggiungibile a piedi, che permette l’attività settimanale di acquaticità sia per il nido che per la materna. Ogni giorno si alternano  momenti di gioco libero e momenti organizzati con attività guidate, che danno ritmo alle nostre giornate come un respiro rassicurante:  Esperienze Corporee (Acquaticità, Danza , Gioco Sensomotorio e Psicomotricità Relazionale), Espressive (teatro, Canto, Narrazioni) e Relazionali (Pet education, Gioco euristico, Laboratori Manuali e Naturalistici).

Davvero  una risorsa preziosa è la presenza di un’ampia area verde concepita per offrire ai bimbi un’avventura quotidiana con la Natura e seguirne il suo trasformarsi attraverso il ritmo ciclico delle stagioni, l’esperienza diretta e semplice con la terra e la frutta, gli alberi e i materiali che portiamo di volta in volta.
L’Atelier dei Piccoli è un luogo dove anche i genitori trovano sostegno, accoglienza e condivisione; per questo vengono proposti momenti specifici dedicati alla genitorialità quali incontri con la pedagogista e l’equipe dell’asilo, serate a tema con formatori, terapisti,  laboratori creativi, merende e feste.

Inoltre da alcuni anni è luogo di incontri dedicati alla crescita personale, ai percorsi all’aperto e molto altro per adulti e famiglie anche  per “amici” e simpatizzanti dell’Atelier.

All’Atelier incontrerete una coordinatrice responsabile che si occupa sia del nido che della materna lavorando come educatrice in entrambi i servizi, la pedagogista tre giorni la settimana in struttura, maestre e educatrici,  collaboratrici che partecipano attivamente al processo educativo e sono le stesse atelieriste che propongono i percorsi di arte, teatro e acquaticità, una guida ambientale che collabora per progetti e uscite esplorative, insieme per offrire competenza, armonia e  sostegno ai bimbi e alle loro famiglie.

 

 

 

 

Il nostro gruppo vive l’Atelier per sperimentare una diversa possibilità educativa, portando la propria esperienza professionale e una personale energia.

 

 

 

Lavorare in maniera aperta ha sempre caratterizzato l’Atelier dei piccoli e negli anni sono nate idee e modalità nuove per mettere in pratica questo stile, soprattutto attraverso il confronto con il metodo dell’Open Group. Lavoro aperto per noi significa: ascolto e mettersi in gioco. Anzitutto per coltivare negli adulti un’apertura che ha a che fare con la dimensione del cuore: un cuore aperto può sentire ciò che si muove attorno a lui se prima di tutto è in grado di accogliere ciò che si muove dentro di sè. Un lavoro che richiede osservazione e manutenzione costante del gruppo.

Nella pratica id tutti i giorni questo si traduce nel cercare di creare quelle situazioni e ambienti che permettano un sereno vivere dei grandi e dei piccoli potendo in larga parte scegliere le attività da fare, gli amici di gioco e usando materiali particolari che invitano a sperimentare e scoprire. Allo stesso tempo il gruppo aperto per noi è sempre stato anche un giocare in maniera leggera e trasparente sulle mansioni e i ruoli dove tutte le persone coinvolte nel progetto sono “le dade” e hanno una importanza educativa equivalente per cui partecipano ugualmente a tutti i percorsi formativi e alle scelte del cerchio di lavoro.

 Ci impegniamo a sostenere un nostro stile educativo che permette ad ogni persona di esprimere ciò che è riconoscendone il valore.

Riconosciamo che di mamma ce n’è una soltanto e il ruolo dell’educatrice è invece quello di sostenere l’ingresso in comunità del bambino facendosi tramite nel rapporto con i pari, senza assumere il ruolo di punto di riferimento privilegiato in una relazione esclusiva.

Per raggiungere questo riteniamo d’imprescindibile importanza le esperienze delle attività che proponiamo.