Apparentemente una mattina come tutte le altre al Nido. Eppure…

Si sentiva qualcosa di diverso, di elettrizzante. I bimbi erano felici, gioiosi, persino eccitati. Impossibile tenerli a sedere nemmeno il tempo di una invitante merenda con fette biscottate, miele e camomilla calda.
Niente da fare. Non resta che usare tutta questa energia per qualcosa di utile: una piccola festa!
Otteniamo un piccolo riposante silenzio per poter spiegare cosa sta per accadere, poi ci spostiamo tutti nella nostra stanza più magica, quella che accoglie quasi tutte le fiabe, le danze, i suoni.
Oggi è semi buia e il muro è pieno di giochi di piccole luci verdi e rosse, il pavimento è coperto di materassi e a disposizione ci sono palle di lana e giochi morbidi da lanciare.
 Diamo il via libera a urli, salti, corse, lanci…ma sembra che la cosa più strabiliante sia cercare di afferrare quelle “stelle” luminose che spavalde si appoggiano sui vestiti, sulle manine, sui cuscini, senza lasciarsi mai afferrare.

Ma non importa, scoppiano risate e al ritmo di una strana melodia ritmata, qualcuno si prende per mano e inizia a ballare. Bravi! Seguono il ritmo, fanno giravolte, si cercano, si lasciano, ballano da soli. La festa è riuscita e ha calmato gli animi…

Pamela