Una mattina da piccoli

By |2013-11-05T17:35:25+00:00novembre 5th, 2013|DIARIO DI BORDO, LABORATORI, PEDAGOGIA|0 Comments

Una mattina della scorsa settimana decidiamo di fare diversamente!

Tutti i bimbi “grandi” delle due sezioni si lanciano in una lunga passeggiata per andare a cercare l’autunno e scoprirne i tesori da vicino, insieme alla Dada Lorenza e alla Dada Giulia.

Noi invece rimaniamo al Nido, perché siamo ancora piccoli e abbiamo la necessità di guardarci intorno, conoscere meglio le dade anche dell’altra sezione, i  compagni di gioco, gli spazi in cui viviamo ogni mattina.

Così insieme alla Dada Roberta ci ritroviamo tutti e 13 in Oceano a cantare e fare merenda.

Ci prendiamo dei tempi lenti per stare insieme, per raccontare con poche e semplici parole la nostra giornata, per ricordarci dove sono mamma e papà cantando del loro ritorno e del loro lavoro.

Qualcuno ha bisogno di dormire un po’, qualcun altro è già da tempo che viene al Nido e fa da apri pista nei giochi autonomi e spontanei, spostando sedie e inventando tane e aiutando i bimbi arrivati da poco a integrarsi.

Oggi vogliamo coccolarci e usare le mani e i piedini. Quattro alla volta con una dada ci spostiamo in un altro spazio e scopriamo la farina di mais!

mais1

mais4mais5

Come è ruvida e gialla e profumata! Si può far scorrere tra le dita o tenerla stretta chiudendo il pugno. Si può lanciare e scossare e buttare sui piedi…magari di un amico o della dada. Si può assaggiare…

mais8mais19mais10mais6

Si può entrare dentro il contenitore con i piedi o con tutto il corpo e raccoglierne ancora…

mais14mais13

E poi… si può creare! Disegnare, lasciare impronte, ridere dei disegni della dada che racconta una piccola storia nella farina e che scompaiono appena li tocchiamo.

mais11mais7mais6mais20

C’è anche chi guarda, ancora un po’ addormentato e oggi non ha voglia di toccare ma solo di vedere cosa succede, o chi ha uno sguardo serio e concentrato su questa strana sabbia.

mais2mais9

 

Chissà magari la prossima volta che mangeremo la polenta! E magari a casa, con mamma e papà, ci verranno in mente i nostri giochi fatti al Nido!

Dada Pamela