Our kids are amazing!!

By |2019-05-28T16:25:39+00:00maggio 30th, 2019|DIARIO DI BORDO, LABORATORI|0 Comments

Let me tell you something about learning English at the Atelier…

E’ già il secondo anno che seguo i vostri bambini nell’apprendimento dell’inglese, e devo confessarvi che mi hanno fatto divertire molto e spero per loro sia stato lo stesso.

Ci tenevo a spiegarvi quale fosse il mio modo di affrontare questo scambio.

Credo sia di fondamentale importanza favorire un approccio alla lingua straniera già durante il primo percorso scolastico, quello nella scuola dell’infanzia. Sin dalla più tenera età, infatti, i bambini assimilano moltissime informazioni provenienti dal mondo esterno e, se opportunamente sollecitati, sono in grado di acquisire competenze linguistiche e comunicative a lungo termine.

Ogni bambino prende confidenza con la nuova lingua seguendo un processo naturale e induttivo: si serve di stimoli uditivi e visivi adeguati al suo sviluppo cognitivo e che fanno riferimento esclusivamente alla dimensione orale della lingua.

Ho coinvolto i bambini utilizzando un linguaggio iconico e musicale e ho proposto delle attività motorie utili al bambino per fare esperienza concreta di un lessico nuovo. Attraverso tali attività motorie il bambino può approcciarsi alla lingua inglese in un contesto dinamico e stimolante, ma può anche riconoscere il proprio corpo come strumento di conoscenza del mondo, di sperimentazione di emozioni e di espressione del sé.

Il mio intento è quello di avvicinarli ad una nuova lingua stimolando la loro curiosità e la loro voglia di giocare. Abbiamo cantato Baby Shark, The Animal Song e Shake It Out (Body Parts) e ogni volta una canzoncina introduttiva su quanto fosse bello incontrare gli amici a scuola, salutarli e chiedere loro come stessero.

L’apprendimento dell’ inglese è favorito da un contesto ludico e da un approccio naturale, proponendo delle attività giocose e che implichino azioni motorie.

Ad ogni incontro una proposta di tre giochi diversi per imparare gli animali, i colori, i numeri e le parti del corpo.

A volte i loro tentativi di emulare i suoni sono spassosi, ma i semini vengono piantati, e nulla andrà perduto!

Abbiamo ancora un po’ di lezioni da fare e il prossimo anno ci ritroveremo ancora insieme per continuare a giocare, imparare e ridere e intanto quest’anno abbiamo avuto l’opportunità di viverci tutto l’anno in differenti ruoli chiacchierando un po’ tra un saluto e una merenda!

Dada Simona

Leave A Comment